dejà vu

Salve gente!

Venerdì ho fatto il tampone e sono risultato negativo finalmente.

E il giorno dopo sono anche andato in palestra.

Anche se non da solo.

Nel senso che ha dovuto accompagnarmi mio padre visto che la mia macchina ha fatto un po’ di capricci.

Che poi inizialmente credevo di dover cambiare la batteria e già mi stavo disperando.

Perché avrei dovuto aspettare lunedì per chiamare il meccanico e far venire a prendere la macchina.

Un casino praticamente.

Menomale che sono passato di nuovo in garage per prendere la pennetta usb dallo stereo.

Perché prima di chiudere la macchina mi son detto:

“Vabbè facciamo un altra prova”

E puf!
Incredibilmente è partita.
Da li poi l’ho fatta camminare un po’.

Vabbè che comunque sono passato dal meccanico per farmi montare l’aspirazione diretta per la macchina.

Sapete che son fissato con le modifiche.

In palestra sarei potuto anche andare direttamente ieri però volevo prendere un po’ d’aria e in più ero troppo curioso di vedere se dopo quasi due settimane di stop avessi perso qualcosa.

Fortunatamente sono riuscito ad allenarmi senza problemi.

Mi è andata bene direi.

Notizie da Genova?

Ancora no.

In compenso però mio padre ha fatto un po’ di ricerche.

Ha trovato una clinica in Germania che applica una terapia con nanoparticelle sui tumori come il mio.

Probabilmente anche i miei si sono resi conto che le chemio non funzionano.

Ma non lo dico io ma la risonanza che abbiamo mandato alla dottoressa.

Infatti il referto cartaceo dice che la lesione ha avuto un incremento.

Proprio come successe alla precedente recidiva.

Che poi questa ricerca di cure mi ha fatto venire una sensazione di dejà vu.

Come se avessi vissuto già questa cosa.

Infatti già nel 99 mio padre mandò la mia cartella clinica a Milano, negli Stati Uniti.

Insomma ne ha fatte di ricerche.

E’ proprio un dejà vu.

Ma come dico sempre, son 23 anni che la mia vita è così, ormai ci ho fatto l’abitudine.

E poi, fin quando riesco ad andare in palestra e riesco a guidare, è tutto ok ha ha.

Perciò chissenefrega, dejà vu o meno.

L’importante è andare avanti e combattere.

Un abbraccio.

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.