Voti

Come ben ricordate(credo), a scuola non sono mai stato forte.

Il mio rapporto con lo studio è sempre stato travagliato.

Non ero una cima ma non facevo nemmeno così schifo.

Diciamo che ci amavamo e odiavamo allo stesso tempo.

Però alla fine, sono riuscito a finirla senza perdere tempo, diplomandomi tranquillamente.

Non ho mai avuto debiti nel corso dei cinque anni di superiori anche se c’è stato un anno in cui ho rischiato.

Forse è stato proprio il secondo anno.

Un anno in cui ero “impegnato” a decidere se tenere o meno il sostegno.

Si perché, per chi non lo sapesse, fin dalle elementari, ho sempre avuto un insegnante di sostegno per via della malattia e tutto il resto.

Il problema era che in quell’anno delle superiori mi ero fissato che non lo volevo più, lo volevo far togliere.

Perché?

Bhe volevo dimostrare di essere “normale” e avere il sostegno me lo impediva.

Si, ero abbastanza complessato in quel periodo.

Sapete no?

Tutta la storia delle cicatrici, l’essere divero rispetto agli altri e cavolate varie.

Che poi altro non erano che fissazioni verso il giudizio altrui.

Ma non deviamo dall’argomento principale.

Dicevo che lo studio non è mai stato il mio forte e i miei voti non sono mai stati alti o eccellenti.

La maggior parte erano sufficienze.

L’unico voto alto lo avevo in condotta.

Ricordo che quando vidi quel 10 in condotta feci i salti di gioia, i miei amici mi guardarono storto.

Grazie al cazzo direi, non era un voto importante.

Era soltanto giustificato visto che stavo sempre per conto mio e non facevo casino.

Fatto sta che l’unico voto alto era quello, il resto andava dai 6 a 7.

Pensate che fui sorpreso anche di essere uscito con 80 all’esame di maturità, visto che avevo puntato al 59+1 credito, quindi totale 60.

Non ho avuto “voti” alti nemmeno agli esami del sangue o dalle analisi.

Bhe meglio così, anche perchè se avessi avuto valori alti (o troppo bassi) a quest’ora sarei morto haha.

Che poi gli estremi sono sempre da evitare.

Ad ogni modo, qual’è il punto di tutto ciò?

Bhe il punto è che i voti durante l’anno scolastico non significano nulla, non definiscono ciò che siamo.

Non definiscono il nostro valore.

Possiamo aver avuto voti normali o leggermente bassi ma essere intelligenti e acculturati anche oltre la scuola.

“Ognuno è intelligente a modo suo”

Per cui ragazzi, se ricevete dei voti bassi ma le cose le sapete, non lasciatevi, andate oltre.

Alla fine, sono solo numeri.

Un abbraccio.

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.