sbagliando s’impara

Sapete signori, credo che niente nella mia vita sia stato facile e questo credo che ve ne siate accorti anche voi.

Insomma, nel mio vocabolario la parola facile non è mai esistita.

Basti pensare a tutto quello che ho passato e tutto ciò che ho subito.

O comunque se pensiamo a determinate cose che per gli altri potrebbero sembrare stupide e facilissime, ai miei occhi invece sarebbero diventate difficili o impossibili da svolgere.

Ad esempio, per me è stata una lotta anche prendere la patente.

Eh si, per voi magari è stata una passeggiata, una cosa naturale, come camminare ma per me si è rilevata una cosa davvero dura.

Addirittura io mi ero già fatto i calcoli sulla durata del conseguimento ed erano molto più ristretti rispetto a quanto ci ho impiegato in realtà.

E non immaginate quanto mi ha fatto rabbia tutto ciò.

Mi chiedevo sempre del perché doveva essere sempre tutto così complicato per me.

E guardandomi attorno e vedendo gli altri avere una vita facile rispetto alla mia, mi paragonavo a loro.

Lo so, sbagliavo a paragonarmi agli altri perché mi dilaniava dentro, ma mi chiedevo del perché a loro è tutto così facile e a me no?

Era come se la loro vita fosse fatta di ascensori e io invece dovevo usare sempre le scale.

Un’altro sbaglio che ho fatto, è stato quello di aspettarmi troppo dalla vita, chiedevo troppo, sempre perché mi capitava il “difficile”.

Così, col passare del tempo ho imparato a prendere la vita così come veniva.

Addirittura mi ero convinto che ormai  la negatività era l’unica cosa che c’era nella mia vita.

Ed è sbagliatissimo pensare così.

Ho fatto molti sbaglia nella mia vita, ma da quei sbagli ho imparato molte cose.

E così deve essere.

Ora però mi sono lasciato tutto alle spalle, tranne il passato ovviamente.

Quello non si potrà mai cancellare.

E’ come se fosse scritto con un pennarello indelebile oppure come un tatuaggio.

Anche se credo che, per quanto il passato sia triste e doloroso, sarà sempre importante per capire chi sei davvero  e farti riflettere da dove sei partito e dove sei arrivato mostrando a tutti il progresso.

Perché senza passato, non siamo nessuno.

Nemmeno io pensavo di arrivare a dove sono adesso.

Ma ora lo sono ed è merito di me stesso e la mia forza di volontà.

E ne vado fiero.

Sapete, quella cosa di dire”guardami prima e guardami adesso”.

Sono semplici soddisfazioni, anche se piccole, restano pur sempre soddisfazioni.

Io ad esempio, ho imparato ad apprezzare le piccole cose, quelle semplici.

Quelle che se le guardi, non ti dicono nulla, ma se ci pensi, fondamentalmente, valgono tanto.

Forse perché sono un tipo semplice, chi lo sa.

Quindi signori, non trascurate o negate il vostro passato, perché potrete trarne qualche insegnamento per il vostro futuro.

Perché sbagliando s’imparano tante cose.

A volte anche importanti.

E abbiate una gran forza di volontà, perché è quella che vi permetterà di fare tutto ciò.

Un abbraccio.

 

 

 

 

 

 

 

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.